VIA (Valutazione di Impatto Ambientale)

La Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) è stata introdotta con la Direttiva 85/337/CEE, che obbliga, prima di realizzare una delle opere espressamente indicate negli allegati al provvedimento, a sottoporre alla Pubblica Amministrazione il relativo progetto, al fine di valutarne le potenzialità negative:

  • sull’uomo, la fauna e la flora;
  • sul suolo, l’acqua, l’aria, il clima ed il paesaggio;
  • sui beni materiali ed il patrimonio culturale;
  • sull’interazione tra tali fattori.

Il procedimento si articola in quattro fasi:

  1. Redazione dello studio di impatto ambientale, contenente: la descrizione del progetto, la valutazione dei possibili effetti negativi dell’opera da realizzare, la descrizione delle misure previste per evitarli, ridurli e compensarne l’impatto sull’ambiente, la descrizione sommaria delle principali alternative e la sintesi del contenuto del fascicolo.
  2. Consultazione delle autorità interessate.
  3. Discussione pubblica.
  4. Valutazione conclusiva.

Il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, che ha riformulato il diritto ambientale, costituisce – nella sua “Parte II” – l’attuale legge quadro sulle procedure di VIA (Valutazione d’Impatto Ambientale) e VAS (Valutazione d’impatto strategica), accorpando in un testo organico la fino ad oggi frammentata disciplina. Le disposizioni finali e transitorie (Artt. 48-52) stabiliscono le modalità per l’abrogazione dei provvedimenti elencati (12). Non sono numerosi le norme integralmente abrogati dal nuovo decreto; ricordiamo, a partire dal 12 agosto 2006:

  • D.P.R. 12 aprile 1996 (“Atto di indirizzo per l’attuazione di disposizioni in materia di valutazione di impatto ambientale”);
  • D.P.C.M. 3 settembre 1999 (modifica ed integrazione del D.P.R. 12 aprile 1996);
  • D.P.C.M. 1 settembre 2000 (anch’esso modifica ed integrazione del D.P.R. 12 aprile 1996).

Lo staff tecnico di TREE Srl supporta i Clienti per tutto l’iter di sviluppo delle Valutazioni di Impatto Ambientale attraverso:

  • L’analisi e valutazione del progetto da sviluppare ed l’individuazione del corretto iter autorizzativo.
  • La redazione di tutti gli elaborati progettuali necessari alla predisposizione ed alla consegna della richieste di autorizzazione agli Enti competenti.

L’assistenza durante tutto l’iter autorizzativo e rapporti con gli Enti competenti, inclusa la partecipazione di personale specializzato negli incontri preliminari, in sede di conferenza di servizi, e nelle ulteriori occasioni di confronto con gli Enti competenti.