Conto Termico

Il Conto Termico 2.0 è un incentivo statale erogato dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) per interventi di incremento dell’efficienza energetica degli edifici esistenti e di produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni.

Grazie al Conto Termico, è possibile aumentare le prestazioni energetiche degli edifici, riducendone i consumi e le spese conseguenti con la possibilità di recuperare in tempi brevi parte della spesa sostenuta.

I BENEFICIARI E I SOGGETTI RESPONSABILI

I beneficiari sono principalmente le Pubbliche Amministrazioni, ma anche imprese e privati, che potranno accedere a fondi per 900 milioni di euro annui, di cui 200 destinati alle PA.

Decorsi 24 mesi dall’entrata in vigore del decreto legislativo 102/2014, possono presentare al GSE richiesta di concessione dell’incentivo, in qualità di soggetto responsabile, solo le ESCO in possesso della certificazione secondo la norma UNI CEI 11352.

COSA È CAMBIATO?

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, attraverso il decreto 16 febbraio 2016, hanno aggiornato la disciplina per l’incentivazione di interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

Rispetto alla precedente versione (D.M. 28/12/2012), le principali modifiche hanno riguardato le modalità di accesso e dei soggetti ammessi (sono ricomprese fra le PA anche le società in house e le cooperative di abitanti) e gli interventi di efficienza energetica incentivabili. Inoltre, è stata modificata la dimensione degli impianti ammissibili e semplificata la procedura di accesso diretto per apparecchi con caratteristiche già approvate e certificate.

CHI LO EROGA E COME

Gli incentivi sono erogati dal GSE tramite rate annuali costanti di durata compresa tra 2 e 5 anni (in funzione della tipologia di intervento e della sua dimensione), oppure in un’unica soluzione se l’importo del beneficio complessivamente riconosciuto non supera i 5.000 euro. I tempi di pagamento sono di circa 2 mesi.

QUOTE INCENTIVATE

Il Conto Termico prevede incentivi che variano dal 40% al 65% della spesa sostenuta.

Finanzia inoltre il 100% delle spese per la Diagnosi Energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per le PA (e le ESCO che operano per loro conto) e il 50% per i soggetti privati e le cooperative di abitanti e quelle sociali.

Gli incentivi del Conto Termico non sono cumulabili con altri incentivi statali, fatti salvi i fondi di rotazione, i fondi di garanzia e i contributi in conto interesse.

Alle PA (escluse le cooperative di abitanti e quelle sociali) è consentito il cumulo degli incentivi con incentivi in conto capitale, anche statali, nei limiti di un finanziamento complessivo massimo del 100% delle spese ammissibili.

TREE Srl, in possesso della certificazione UNI 11352, da anni svolge consulenza a supporto di soggetti pubblici e privati che intendono presentare richieste di accesso agli incentivi quali il Conto Termico ed altri.

Contattaci per un preventivo gratuito o per maggiori informazioni